NEWS

AUTOTRASPORTO:
ECCO LA GUIDA PER RICEVERE I FINANZIAMENTI

Sono 15 i milioni stanziati dal Governo per gli investimenti destinati al settore dell'autotrasporto. La buona notizia, con le modalità di ripartizione delle risorse finanziarie e con le relative istruzioni operative per la presentazione delle domande, è apparsa sulla Gazzetta Ufficiale in 2 Decreti ministeriali, datati rispettivamente il 29 settembre e il 21 ottobre 2015. Ma chi sono i destinatari, quali sono gli investimenti agevolati e soprattutto come si presenta la domanda per ottenerli? Ecco tutte le risposte utili!


Chi sono i beneficiari dei contributi?

A beneficiare di tali contributi potranno essere gli autotrasportatori di merci per conto di terzi che risultino in regola con i requisiti di iscrizione all'Albo degli autotrasportatori e al Registro elettronico nazionale.


Quali sono gli investimenti agevolati?

Gli investimenti riguardano veicoli meno inquinanti e soluzioni intermodali e, nel dettaglio, si riferiscono all'acquisto di veicoli nuovi di fabbrica per il trasporto merci (da 3,5 a 7 ton oppure pari o superiori a 16 ton) a trazione alternativa a metano CNG e gas naturale liquefatto LNG, di semirimorchi nuovi di fabbrica per il trasporto combinato ferroviario e marittimo, dotati di almeno un dispositivo innovativo che ne incrementi l'efficienza energetica, di acquisizione, da parte di piccole e medie imprese, di container e casse mobili compatibili con tutte le tipologie di mezzi di trasporto.


Quali sono i termini di presentazione della domanda?

La domanda di accesso ai contributi dovrà essere presentata dal 5 novembre 2015 al 31 marzo 2016, esclusivamente ad avvenuto avvio dell'investimento.


Come si presenta la domanda?

La domanda dovrà essere consegnata a mano o inoltrata tramite raccomandata con avviso di ricevimento presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali ed il personale Direzione generale per il trasporto stradale e per l'intermodalità, in Via Giuseppe Caraci 36, 00157 Roma. Per compilare la domanda occorrerà utilizzare l'apposito modulo incluso nel Decreto ministeriale del 21 ottobre allegata alla documentazione richiesta.


Quali sono i dati richiesti?

Oltre ad indicare gli investimenti attivati, nella domanda saranno anche richiesti i seguenti dati: la ragione sociale e la sede dell'impresa o del raggruppamento di imprese, i dati del legale rappresentante dell'impresa o del raggruppamento di imprese, il numero di iscrizione al REN o all'Albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi per le imprese con veicoli di massa complessiva fino a 1,5 tonnellate, partita IVA e codice fiscale, indirizzo di posta elettronica certificata, l'iscrizione alla Camera di commercio e la firma del legale rappresentante.


Quali sono i documenti che bisogna allegare alla domanda?

Viene richiesto un elenco completo di ogni bene acquisito con relativo costo, data del contratto di acquisizione, il numero di targa del veicolo o semirimorchio. Dovrà essere allegata alla domanda anche copia del contratto di acquisto, sottoscritto in data non anteriore al 5 novembre 2015 e copia della fattura quietanzata che attesti l'avvenuto pagamento mentre, in caso di acquisizione mediante leasing, bisognerà allegare la copia del contratto di leasing e delle varie fatture dei canoni pagati. Per gli autoveicoli e semirimorchi occorrerà allegare anche la prova documentale dell'avvenuta immatricolazione, successiva al 5 novembre 2015 mentre per container e casse mobili, la documentazione che attesti che la consegna del bene è successiva al 5 novembre 2015.

Finanziamenti autotrasporto 2016